Tumore, Pannuti e le false speranze ai malati. Ant contro l'accanimento terapeutico

"Il messaggio che sempre più va diffondendosi nella cosiddetta 'società civile' è che gli anziani non servono più, i Malati 'terminali' ancora meno, c'è sempre meno denaro e prima o poi tutti gli Operatori della Sanità pubblica


"Il messaggio che sempre più va diffondendosi nella cosiddetta 'società civile' è che gli anziani non servono più, i Malati 'terminali' ancora meno, c'è sempre meno denaro e prima o poi tutti gli Operatori della Sanità pubblica

 si convertiranno all'idea che l'eutanasia sia un bene necessario per l'umanità. Tutti gli Operatori Sanitari - di questo sono assolutamente sicuro - eccetto quelli che lavorano per ANT".

Con queste parole Franco Pannuti, padre della Fondazione ANT - che dal 1985 ad oggi ha fornito assistenza socio-sanitaria gratuita a domicilio a 84.000 Sofferenti in fase avanzata o avanzatissima della malattia - commenta la recente notizia che ha avuto grande risonanza sulla stampa internazionale, in seguito alla diffusione di un articolo pubblicato su Lancet Oncology da un gruppo di 37 esperti guidati dal professor Richard Sullivan del King's College di Londra, convinti che la medicina moderna dia ai malati terminali di cancro «false speranze» prescrivendo loro costosissime medicine quando non ci sono più i presupposti.

Secondo questo studio «I dati dimostrano che una sostanziale percentuale delle spese per cure anti-cancro avvengono nelle ultime settimane e mesi di vita e che in larga percentuale dei casi queste cure non solo sono inutili ma anche contrarie agli obiettivi e alle preferenze di molti pazienti e famiglie se fossero state adeguatamente informate delle loro opzioni». Nel loro rapporto, frutto di 12 mesi di indagine e che in Gran Bretagna ha fatto molto scalpore, i medici sostengono che, in alcuni casi, ai malati terminali non dovrebbero essere prescritte nuove terapie non sperimentate ma soltanto cure palliative.

I 37 medici affermano che una «cultura dell'eccesso» nei reparti oncologici ha reso i costi delle terapie anti-cancro insostenibili soprattutto alla luce di un progressivo aumento dei nuovi casi della malattia. Circa 12 milioni di persone ricevono ogni anno una diagnosi di cancro nel mondo e la cifra potrebbe salire a 27 milioni nel 2030. Secondo gli autori dello studio questa prospettiva fa sì che il mondo occidentale «si sta avvicinando a una crisi»: nella sola Gran Bretagna il costo delle terapie oncologiche è salito a oltre 5 miliardi di sterline da 2 miliardi nel 2002.

"Noi gridiamo forte il nostro no all'accanimento terapeutico, e il nostro no all'abbandono: questo è il credo di ANT da sempre - prosegue Pannuti. Siamo per la difesa della vita in dignità, sino all'ultimo respiro, con la forza delle nostre parole, dei nostri convincimenti, e soprattutto con l'esempio che il nostro personale sanitario porta ogni giorno all'interno delle case di oltre 3.500 Malati oncologici. E se i "tecnici della Sanità", inglese o italiana che sia, intendono riportare il discorso su un piano meramente economico, ricordo che il concetto di sussidiarietà e l'integrazione di risorse tra pubblico e privato a volte portano frutti straordinari, come l'esempio di ANT è in grado di ben testimoniare".

La Fondazione ANT Italia Onlus - nata a Bologna nel 1978 per iniziativa del Prof. Franco Pannuti - rappresenta la più ampia esperienza al mondo di assistenza socio-sanitaria domiciliare gratuita ai Sofferenti di tumore. Da 1985 ad oggi ANT ha assistito in modo completamente gratuito circa 84.000 Sofferenti, 24 ore su 24, tutti i giorni dell'anno, per un totale di oltre 13 milioni di giornate di assistenza erogate (dato aggiornato al 30 giugno 2011). I Sofferenti assistiti nei 20 Ospedali Domiciliari Oncologici ANT (ODO-ANT) presenti in 9 regioni d'Italia sono più di 3.400 ogni giorno. Si tratta di un'assistenza specialistica effettuata da 400 professionisti che lavorano per ANT - tra Medici, Infermieri, Psicologi, Nutrizionisti, Fisioterapisti, Operatori socio-sanitari, Farmacisti e Funzionari - portando al domicilio del Sofferente e alla sua Famiglia tutte le necessarie cure di tipo ospedaliero e socio-assistenziale.

A ciò si associa un programma di sostegno economico alle Famiglie in difficoltà che abbiano un congiunto in assistenza domiciliare. ANT è anche Prevenzione oncologica: a oggi sono più di 38.000 le visite gratuite realizzate dalla Fondazione in 36 diverse province nell'ambito del solo progetto Melanoma, cui si affiancano i progetti Donna, Tiroide e Mammella. ANT porta inoltre avanti attività di ricerca e organizza corsi di formazione rivolti a volontari e professionisti.

Pubblicato il: 16 June 2020

News

Lascia il tuo primo commento!

Inserisci il tuo commento